Consenta a un “liberale qualunque” di esprimere nell’ambito di una dialettica rispettosa che tiene conto delle difficoltà in cui si trova il Capo dello Stato in un momento così complicato qualche riserva su alcuni suoi recenti comportamenti.
Lei non è un liberale; non lo è per radici politiche e culturali, se non per quella parte che il cattolicesimo democratico ha ereditato dalla concezione laica dello Stato che ha avuto in Sturzo prima e in De Gasperi poi i propri massimi esponenti. Ma i liberali hanno apprezzato il modo equilibrato con cui ha esercitato il suo mandato e il rispetto che ha sempre dimostrato per i principi fondanti della democrazia liberale. Proprio per questo mi permetto di contestare due momenti in cui la sua voce non si è levata come i liberali si sarebbero attesi.
La prima riguarda l’emergenza Covid: la proroga di uno stato di emergenza, qualunque siano le motivazioni (a mio avviso molto fragili) non può essere autorizzata da una maggioranza parlamentare senza che il Capo dello Stato non rilevi autorevolmente la necessità di regolare diversamente il problema dell’esercizio di poteri che comprendono la soppressione di diritti fondamentali tutelati dalla Costituzione, anche eventualmente integrando la Carta nei punti mancanti. Al contrario Lei ha affermato il principio che la tutela della libertà non comprende quella di fare ammalare (e quindi di danneggiare) gli altri, stabilendo un principio che potrebbe prestarsi in futuro a interpretazioni molto pericolose. Perchè se è vero che la libertà di ciascuno di noi trova un limite invalicabile nelle libertà altrui, è altrettanto vero che spetta allo Stato attraverso norme di carattere costituzionale stabilire dove si colloca tale confine. Soltanto attraverso la definizione dello “stato di emergenza” e la creazione di adeguati strumenti di controllo della sua gestione che non derivino da una semplice maggioranza parlamentare è possibile stabilire tempi, modi e caratteristiche di provvedimenti lesivi delle libertà individuali compatibili con uno stato di diritto. Tutte cose che lei ben conosce, per cui debbo ritenere che non avere colto l’occasione per ricordare al Parlamento e al Paese ragioni e limiti di una situazione emergenziale che lo sta strangolando, sia stata una scelta politica che rientra nella sua autonomia ma nei cui confronti non posso nascondere una delusione tanto più profonda quanto più elevata è la mia stima per la sua persona.
La seconda questione riguarda lo scandalo, ormai ricorrente, dell’intreccio che si è venuto a creare tra le forze politiche e l’attività della magistratura inquirente. Problema antico che lei ben conosce per essere stato dibattuto anche quando Lei faceva parte della Corte costituzionale, ma che ha assunto dopo lo scandalo Palamara e (perchè no) anche dopo le inquietanti rivelazioni sulle pressioni politiche che avrebbero accompagnato la sentenza definitiva di condanna di Silvio Berlusconi in Cassazione nel 2013, un rilievo che poteva giustificare da parte del Capo dello Stato, che è anche presidente del CSM, un intervento più significativo di quanto non sia stato nelle prudenti dichiarazioni che ho potuto leggere.
L’imparzialità dei giudici penali (imparzialità, non neutralità perchè, come mi ricordava Valerio Zanone quando ne discutevamo, la neutralità potrebbe intendersi nei confronti dei valori fondamentali della Repubblica), è vitale per la credibilità e il prestigio dell’ordine giudiziario, pilastri ineludibili della certezza del diritto. Non si può aspettare che la magistratura si riformi da sola; la sua autonomia non va confusa con un’autoreferenzialità corporativa.
Non sta a me, naturalmente, suggerire al presidente della Repubblica cosa fare, ma da cittadino e da liberale mi sarei aspettato un segnale forte, un messaggio al Parlamento per richiamarlo alle sue responsabilità, la dimostrazione di una preoccupazione che vada oltre la formulazione di qualche espressione di circostanza.

Cordiali saluti,  Franco Chiarenza.

17 agosto 2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.