Scoprire l’acqua calda” significa secondo il dizionario De Mauro “credere o presentare come nuova e originale una cosa già nota o ovvia”. Il liberale qualunque è allibito: gli italiani hanno scoperto che la magistratura viene influenzata dalle convinzioni politiche nella sua azione giudiziaria e che quindi non è, come dovrebbe essere, imparziale e neutrale rispetto ai diversi soggetti politici che si contendono l’esercizio del potere. Ci sono magistrati (molti, pochi?) i quali quando avvistano quello che a proprio insindacabile giudizio può configurarsi come un “pericolo per la democrazia” affondano il piede sull’acceleratore e travolgono i presunti “colpevoli” senza pietà, talvolta eludendo anche le garanzie costituzionali che dovrebbero sempre accompagnarsi all’esercizio della funzione giurisdizionale. E’ avvenuto con “mani pulite”, si scopre oggi che è accaduto anche con Berlusconi.

Il liberale qualunque crede nello stato di diritto e proprio per questo non può simpatizzare con un populista autoreferenziale come Silvio Berlusconi, ma non può nemmeno accettare che la magistratura, priva com’è di legittimazione popolare, si sovrapponga al parlamento dettando, di fatto, le regole del gioco secondo una concezione “polically correct” da essa stessa stabilita. Da tempo infatti quanti ancora si identificano con una cultura liberale denunciano la deriva “politica” della magistratura che, non a caso, si organizza in correnti ideologicamente motivate le quali condizionano le carriere (designazioni, promozioni, distacchi) assicurandosi che nei principali distretti giudiziari vadano procuratori “allineati”, come è stato clamorosamente confermato dallo scandalo Palamara. Naturalmente tutto ciò nulla ha in comune con lo stato di diritto, cardine inalterabile di ogni democrazia liberale. Ma che le cose stiano così si sa da decenni e fa impressione vedere (come nella favola del “re nudo” che improvvisamente tanti scoprano che la magistratura integerrima era un manto di ermellino sotto il quale si nascondevano pulsioni, intenzioni e distorsioni che tutti fingevano di non vedere. Finché, per puro caso, il manto è scivolato via e il “popolo bambino” ha esclamato stupito: “ma è nudo!!!”.

Per risolvere il problema non bastano soluzioni parziali affidate alla corporazione stessa che dovrebbe metterle in atto. Bisogna procedere radicalmente avviando le riforme che da sempre proponiamo: separazione tra magistratura inquirente e giudicante, azione di contrasto alle contaminazioni tra politica e funzioni giudiziarie, e, per rendere più difficile la “dittatura” delle correnti, ricorrere anche, almeno parzialmente, al sorteggio di un certo numero di componenti del CSM. Ma il liberale qualunque non vede all’orizzonte nessuno in grado di farlo e nemmeno di proporlo. Continuammo così, fino al prossimo scandalo.

Franco Chiarenza
17 luglio 2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.